Corsi inverno: gennaio/marzo 2019

Alla fine, mettiamo una parte dei nostri corsi dell’inizio.
Sono una parte, che altri ci saranno in primavera.

Se volete informazioni in più,
chiamateci al 031 70071
oppure: associazionespaziolibri@gmail.com

In finale, che sta per iniziare, insieme a
Claudio Milani
Pia Mazza
Barbara Girardi Una Scodella Di Granoturco
Elisa Vettori
Sonia Basilico
Francesca Galimberti
Marigami
Matteo Gilberti
Izumi Fujiwara
Paolo Cabrini
Valentina Pellizzoni

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Annunci

Aperti!

Noi da oggi e fino al 29 siamo aperti!

“Le fiabe sono state inventate da bambini che sono poi diventati adulti e da adulti che sono diventati bambini, da adulti che per diventare tali hanno ucciso dentro di sé il bambino che erano e che perciò hanno bisogno di vendicarsi sui bambini, e da bambini morti che risorgono dentro gli adulti che li avevano uccisi.
(…) Le fiabe sono eversive, tragiche, resurrettive perché al loro interno confliggono la vita e la morte, che sono strettamente abbracciate al mondo.
Le fiabe sono ultimative. Ai protagonisti di fiaba non viene data una seconda chance. Se ti comporti male, è per sempre. Se non sei leale, è per sempre. Se non sei coraggioso, è per sempre. Se non sai riconoscere, se non sei all’altezza dell’invenzione della vita, se non sei all’altezza di te stesso e di ciò che di elettivo ti viene chiesto dall’accadere, è per sempre, non ti verrà concessa una seconda chance, perché tanto ti comporteresti allo stesso identico modo. Ma è avero anche il contrario: se ti comporti bene, se sei coraggioso, se sei leale, se sai riconoscere, accogliere, eleggere, amare, è ‘per sempre’, che poi è il finale di molte fiabe, come ‘c’era una volta’ è l’inizio.”

aa2.jpg

Fiabe da Antonio Moresco
disegni di Nicola Samorì
SEM Società Editrice Milanese

COLOREINFERNO di Ariel Macchi e Cecilia Valagussa

Sabato 8 dicembre dalle ore 18 Presentazione del fumetto COLOREINFERNO con Cecilia Valagussa e Ariel Macchi, ci sarà Giampaolo Mascheroni in veste di presentatore!

Mostra delle tavole originali.

Firmacopie!

IFIX EDIZIONI 2018)
postfazione di Dionigi Mattia Gagliardi
collana B-Comics a cura di Maurizio Ceccato

116.jpg

“Dolce è la guerra se non la conosci”
Erasmo da Rotterdam

Teiere cingolate. Architetture di fango. Cavalli parlanti senza motore. Dipinti a olio e filo spinato. Cantine di perduto senno.
Maiali con le maschere antigas. Trincee alate. Sonni di poeti col fucile spianato. Plotoni di esecuzione zoologica. Canti verminosi in divisa grigioverde. Corpi sensuali su nitrato d’argento. Una Babele capovolta. Nove giorni dell’Inferno a colori.

Nove storie dove Cecilia Valagussa e Ariel Macchi hanno fantasticato con la rappresentazione della guerra e le vicende di nove artisti che, per cause e ragioni diverse, hanno affrontato la Prima Guerra Mondiale, perdendo la vita. Spogliata del proprio segno Valagussa indaga, in una ricerca sfrenata, al servizio di ognuno degli artisti rappresentati, come se esse stessi ne ricamassero le sfortune e allegoriche vicende.