BIVIO di Massimo Caccia e Miss Goffetown 

Sabato 12 maggio ore 17,30
Inaugurazione della mostra BIVIO di Massimo Caccia e Miss Goffetown 
La mostra rimarrà aperta fino a sabato 26 maggio 2018

prova-bivio locandina.jpg

P1160640
Massimo Caccia
P1170157
Miss Goffentown
Annunci

Incontri Corsi APRILE / MAGGIO

APRILE-MAGGIO-2018 (1) QUESTA OK.jpg

Sette righe su Caccia

Sette righe su Caccia
di Giampaolo Mascheroni

21271218_1680481721984493_3877818119663590669_n.jpg

La fotografia, mi pare, si dedichi con assiduità a rubare l’anima al soggetto che immortala. È dedito a questo tipo di caccia anche Massimo: con smalti su tavole di legno congela diversi rappresentanti del mondo animale in atteggiamenti e situazioni poco usuali. Quelle immagini, poi (misteri della pittura), nelle nostre menti si rianimano e si divertono a raccontarci storie su storie.
Sono anni che non frequento più il Museo di storia naturale di Milano: ormai i miei figli sono cresciuti. Mi accontento delle finestre che Massimo Caccia apre su quel mondo: guardo un suo quadrotto, diventa una fetta appetibile di diorama, ci sogno sopra e mi ci perdo dentro.

Sabato 16 settembre ore 17,30
Presentazione del libro LA LUCERTOLA E IL SASSO 
di Giovanna Zoboli e Massimo Caccia
Topipittori
e inaugurazione della mostra delle tavole originali.

CALENDARIO-INAUGURAZIONE.jpg

Sabato 16 settembre Inaugurazione

Spazio Libri La Cornice
inaugura la nuova sede
in Viale Ospedale 8 a Cantù!
Siete tutti invitati sabato 16 settembre 2017
dalle ore 10 a sera!

Con i Topipittori Paolo Canton e Giovanna Zoboli – Massimo Caccia – Claudio Milani – Pia Mazza di Fata Morgana – Paolo Cabrini – Bruno Venturini e tanti altri amici a festeggiare con noi!

Letture – laboratori – racconti – musica e tanto tanto altro!
Aperitivo offerto da La cascina di Mattia

Venite venite a festeggiare con noi!

Fra qualche giorno il programma completo della giornata. Fitto fitto.

MANIFESTO-INAUGURAZIONE-def.jpg

illustrazione di Massimo Caccia, La lucertola e il sasso, Topipittori
realizzazione grafica del manifesto di Stefano Brenna