Presentazione del romanzo “La seconda porta” con Raul Montanari

Sabato 7 dicembre ore 17,30
Spazio Libri La Cornice
presenta
Incontro con l’autore Raul Montanari
a cura di Alida Paternostro e Armidina Talisi
de Le Sfogliatelle

Ingresso libero

le sfogliatelle RAUL MONTANARI.png

TORNARE AI GIOCHI IN SCATOLA con Federica Ciceri

Spazio Libri La Cornice in collaborazione con Medicantù
vi invitano
sabato 30 novembre Ore 16 e 17
all’incontro con Federica Ciceri – logopedista
TORNARE AI GIOCHI IN SCATOLA

Un momento per scoprire quanto sono importanti i giochi in scatola per la crescita dei bambini
Federica spiegherà ai genitori presenti l’importanza del ritorno al gioco regolato e i bambini giocheranno con lei divertendosi.

Molte capacità logiche e spaziali vengono sviluppate con i più semplici giochi.
Ai bambini vengono proposti sempre meno giochi in scatola, perdendo uno strumento speciale di relazione e cognitivo.

Posti limitati.
Prenotazione obbligatoria!
spaziolibrilacornice@gmail.com
tel. 031700571

L'immagine può contenere: testo

Incontro con Giuliano Scabia

Giuliano Scabia a Cantù
Con molta gioia ospitiamo GIULIANO SCABIA
autore della quadrilogia di NANE OCA – Einaudi

SPAZIO LIBRI LA CORNICE & TOPITTORI
vi invitano
sabato 23 novembre alle ore 18
all’incontro con
GIULIANO SCABIA
Il lato oscuro di Nane Oca – Einaudi

l’autore dialogherà con Angela Borghesi
docente di letteratura italiana contemporanea all’Università Bicocca di Milano

Introduzione a cura di Mario Bianchi

In occasione dell’incontro con l’autore
esposizione degli appunti visivi
di Francesco Chiacchio
ispirati dalla lettura di Il lato oscuro di Nane Oca

Spazio Libri La Cornice in collaborazione con Topipittori

IL CICLO DI NANE OCA:
È un autentico piacere entrare dentro il mondo fantastico di Nane Oca e del piccolo paese dei Ronchi Palù, piantato nel cuore del Pavano Antico e della Pavante Foresta. È il mondo parallelo inventato da Giuliano Scabia e abitato da uomini, donne, bestie, insetti, semibestie e semidei, saggi e folli, angeli, fate, strani esseri dalla provenienza ignota. È un mondo magico, intrecciato con il mondo reale, in cui può accadere di tutto e dove tutto era cominciato nel 1992, quando uscì il primo romanzo di Nane Oca, con il suo protagonista eponimo nato da una fata e da un suonatore di viola pomposa. Ora siamo al quarto e ultimo libro della saga, Il lato oscuro di Nane Oca (Einaudi), degna conclusione e summa di un intero ciclo. (fonte corriere.it)

L'immagine può contenere: testo

GIULIANO SCABIA:
Giuliano Scabia, uno dei grandi sperimentatori del teatro tra gli anni sessanta, settanta e oltre, l’inventore di Marco Cavallo, simbolo della liberazione dai manicomi, colui che tirò fuori dal bosco delle tradizioni contadine la commedia favola del Gorilla Quadrumàno e la fece girare per paesini di montagna e periferie industriali come una domanda sull’immaginario e sulla cultura di base in tempi di conflitti, di scontri, di trasformazioni sociali (i primi settanta). Da quel viaggio con venti studenti nel territorio profondo dell’Italia avviata verso il neocapitalismo immateriale nacque l’esigenza di liberarlo, il Gorilla, lo spirito dell’immaginazione, nelle foreste del racconto, praticato in teatro, in romanzi, in poesia nonché in intensi rapporti faccia a faccia con piccole comunità coltivati per decenni. Scabia ha tenuto bottega segreta all’università e fatto ogni tipo di azioni pubbliche, usando il teatro come sonda e come chiave di accesso al mondo e all’interiorità. Ha scritto le commedie e gli altri testi del Ciclo del teatro vagante, in tutto 93 tra opere e operine al luglio del 2015. Ha narrato Nane Oca e altre storie del Ciclo del Pavano Antico andando dentro la stralingua padana, un sostrato antico per la memoria contemporanea. (fonte doppiozero.com)

Sabato 12 ottobre 2019 Una giornata speciale!

Una giornata intensa, sabato 12 ottobre:
un laboratorio, una presentazione di un libro con autori, una mostra a due!

kitchenlitho2019 (1).jpg

IN THE KITCHEN
Laboratorio di stampa casalinga con Sara Dalla Pozza.
Sabato dalle 9,30 alle 12,30 – Prenotazione.
In cucina con alluminio, Coca-Cola, qualche inchiostro ed il supporto di una sorprendente tecnica artigianale che si chiama KITCHEN LITHO, si può davvero creare facilmente e realizzare una piccola serie di stampe artistiche.
Non serve saper disegnare o aver già provato a stampare: è un laboratorio per tutti, divertente ed affascinante.

Inventata da Émilie Aizier nel 2011, in Francia, la litografia “fatta in casa” si trasforma in un laboratorio di sperimentazione, fra fogli di carta stagnola, matterelli ed inchiostri.
Bastano pochi ingredienti e lavoreremo insieme alla realizzazione di una piccola serie di stampe artistiche!

Laboratorio per tutti (corso base)
©KITCHEN LITHO / ART – ÉMILION’S METHOD

Corso di Kitchen Litho.
Non serve saper disegnare o stampare!
Per tutti (dai 12 anni in su)
55 € costo del corso
più 15 € quota di tesseramento 2019/20
Ass. Spazio Libri La Cornice

___________________________

Spazio Libri La Cornice & Mescolanze Impresa Sociale Osteria del Ponte
vi invitano
Sabato 12 ottobre alle ore 18
Presentazione del libro
COLORATO DI GIALLO, BORDATO DI ROSSO
con gli autori Giuseppe Delle Vergini e Alessandro Orofino.
Dialoga con gli autori: Giacomo Bagnasco.
Augh Edizioni

MESCOLANZE locandina OK
Segue aperitivo offerto dagli organizzatori
Ingresso libero

La sera possibilità di cena romanesca presso OSTERIA DEL PONTE.
Gradita prenotazione tel. 031 2256068

___________________________________

C’ERA UNA TIGRE A ROMA
Disegni in mostra
di Marco Rufus Petrella e Bic Indolor
SABATO 12 OTTOBRE 2019 ORE 19

7

Fino al 4 novembre 2019
Spazio Libri La Cornice
Viale Ospedale 8
Cantù (Co)
Per info: spaziolibrilacornice@gmail.com
spaziolibrilacornicewordpress.com
www.marcopetrella.it
bicindolor.com

 

C’era una tigre a Roma con Marco Rufus Petrella e Bic Indolor

C’ERA UNA TIGRE A ROMA
Disegni in mostra
di Marco Rufus Petrella e Bic Indolor
SABATO 12 OTTOBRE 2019 ORE 19
Inaugurazione con gli autori.
Fino al 4 novembre 2019
Spazio Libri La Cornice
Viale Ospedale 8
Cantù (Co)
Per info: spaziolibrilacornice@gmail.com
spaziolibrilacornicewordpress.com
www.marcopetrella.it
bicindolor.com

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Spazio Libri La Cornice LETTI DI NOTTE

Anche quest’anno Spazio Libri La Cornice partecipa a
Letti di Notte
venerdì 21 giugno
all’interno della rassegna marcos y marcos

Quest’anno il tema è LIBERTÀ
Come l’anno scorso, faremo un Alfabetiere libero:
chi vuole può partecipare, basta scegliere un brano a tema libertà tra le antiche o recenti letture, abbinargli una lettera dell’alfabeto e venire qui venerdì 21 giugno a leggere,

Chi vuole partecipare, può scriverci via mail il titolo del libro e la lettera abbinata.
spaziolibrilacornice@gmail.com

Tutti generi letterari accolti con felicità: romanzi, saggi, poesie, letteratura d’infanzia…
#lettidinotte #marcosymarcos

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Fossick Project con Marta Del Grandi e Cecilia Valagussa

Associazione Spazio Libri La Cornice vi invita
Fossick Project con Marta Del Grandi e Cecilia Valagussa
Giovedì 30 maggio ore 21 allo Spazio Libri La Cornice

Fossick project è un duo composto da Marta del Grandi e Cecilia Valagussa, ideatrici ed esecutrici di spettacoli che uniscono musica e animazione analogica. Un viaggio al centro della Terra, ispirato alle sorprendenti caratteristiche della natura e delle specie animali, Fossick Project vuole innescare una rifessione su temi ambientali di urgente importanza ed accrescere la consapevolezza del pubblico. La peculiarità del progetto è data dall’uso trasversale e combinato di tecnologia e manualità, due componenti che mettono in luce un’altro importantissimo aspetto del progetto: il connubio tra passato e futuro per la creazione di un nuovo tipo di intrattenimento artistico dal vivo.

INGRESSO LIBERO CON OFFERTA (facoltativo)
Dai 3 ai 99 anni

L'immagine può contenere: 2 persone

https://www.ceciliavalagussa.com/
https://youtu.be/WUZMsTAsK7I
https://www.youtube.com/watch?v=bwnQDWOn-Qw

COME NASCE IL PROGETTO
L’illustratrice Cecilia Valagussa e la cantautrice Marta del Grandi si sono conosciute in Belgio nel 2013, dove hanno frequentato i rispettivi corsi master presso l’accademia di Gent e Bruxelles. La loro collaborazione è iniziata nel 2016, mossa dall’ispirazione reciproca e dal comune talento per il racconto. E’ proprio da questo desiderio narrativo che si è delineato il set, composto da un tavolo quadrato (al quale siedono l’una di fronte all’altra), una parete/schermo sulla quale viene proiettata l’immagine dalla lavagna luminosa, un computer, vari strumenti musicali analogici, microfono e casse. Cecilia crea un’animazione che viene proiettata dal vivo utilizzando la lavagna luminosa, ponendo su di essa differenti materiali quali farina, acqua, foglie, oggetti d’uso quotidiano e facendo muovere i personaggi-marionette sulle scenografe. Il tutto è costruito a mano utilizzando gelatine colorate trasparenti e mischiando diverse tecniche artistiche quali il collage, il disegno, la pittura, la stampa e l’incisione. Marta invece, con la sua voce caratterizzata da una grande versatilità e dalle molteplici sfumature, crea delle ammalianti atmosfere sonore, componendo su Ableton Live campioni audio presi dalla sua libreria digitale o appositamente registrati sul luogo, insieme a un sintetizzatore e a una vasta molteplicità di strumenti acustici e analogici.
Vi aspettiamo.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Carla Ghisalberti legge per noi QUEI DANNATI SETTE CAPRETTI di Sebastian Meschenmoser – Orecchio Acerbo Editore.

Carla legge per noi QUEI DANNATI SETTE CAPRETTI di Sebastian Meschenmoser – Orecchio Acerbo Editore.

Allo Spazio Libri La Cornice Viale Ospedale 8 Cantù (Co)

L’abito non fa il ‘lupo’. Scarpe rosse con i tacchi, tubino viola, rossetto in tinta, borsetta e cappellino con corna posticce. La sua ferocia è mascherata a dovere, e la sua cena di capretto è a un passo. Dietro l’uscio della graziosa casetta nel bosco però si cela una sorpresa agghiacciante: tutto è sottosopra e niente è pulito. In quel caos è impossibile scovare i capretti. E così il lupo pensa che una bella rassettata sia doverosa per agevolare la battuta di caccia, ma non sarà così facile… L’esilarante storia di un lupo “domestico” attraverso la travolgente comicità di Sebastian Meschenmoser.