LA STAMPA FATTA IN CASA con Elena Campa

Sabato 24 novembre 2018
alle ore 16,00
ELENA CAMPA
autrice di
LA STAMPA FATTA IN CASA
terrà un
LABORATORIO
creazione di erbario con la stampa
Per grandi e per piccoli
Costo: 5€

E per tutto il giorno: TERRE DI MEZZO DAY!
Con letture e merenda!

Per info e prenotazione: 031 700571

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Annunci

TERRE DI MEZZO DAY!

Tadaaaaaaaaaa!!

Tenetevi liberi!

TERRE DI MEZZO DAY!
Sabato 24 novembre
Elena Campa
Davide Musso
Carola Fumagalli
Terre di mezzo Editore
Spazio Libri La Cornice

*Mostra “Quello che non ho”
mostra di liste della spesa ritrovate, a cura della Fondazione Scalabrini di Como

info:
031 700571
spaziolibrilacornice@gmail.com

Locandina-TERRE-DI-MEZZO.jpg

FACCIAMO I COLORI! Laboratorio all’aperto!

Ass.Culturale Spazio Libri La Cornice
vi invita SABATO 26 maggio dalle ore 16,30

FACCIAMO I COLORI!
Laboratorio all’aperto 
di creazione di colori dai fiori
tratto dall’omonimo libro edito da Terre di mezzo Editore.

Per bambini e adulti
INGRESSO LIBERO

Se volete, portate dei papaveri!

FACCIAMO-I-COLORI.jpg

Immagine tratta da Facciamo i colori! di Helena Arendt
Terre di Mezzo Editore

Spazio Libri La Cornice Viale Ospedale 8 Cantù (Co)
tel. 031 700571 – spaziolibrilacornice@gmail.com

CHIEDIMI COSA MI PIACE di Bernard Waber e Suzy Lee – Terre di mezzo editore – 2 dicembre 2016

15157011_1354595344573134_3081024313588367669_o

Un papà e una bambina escono di casa, un cappellino blu lui, un cappottino rosso lei. Una passeggiata li attende.

L’incipit del libro segna il passo:
“Chiedimi cosa mi piace.
Cosa ti piace?
Mi piacciono i cani.
Mi piacciono i gatti.
Mi piacciono le tartarughe.
Mi piacciono le anatre.
Le anatre in cielo? O le anatre in acqua?
Mi piacciono le anatre in cielo.
No, nell’acqua. Mi piacciono tutte e due.
Che altro ti piace?”
Nel farsi di questo serrato dialogo l’illustrazione si stringe o si allarga nel paesaggio autunnale, con l’abile mano di Suzy Lee che amiamo così tanto.
Mi ritrovo spesso a rileggerlo questo libro. Mi dà pace. Apro anche a volte le pagine a caso e semplicemente osservo le colorate illustrazioni a pastello.
Penso che per scrivere un testo così, devi conoscerla proprio bene la dialettica dell’infanzia, che ha sue regole non tanto sintattiche, quanto di ritmo, di tono, di respiro.
Ma soprattutto mi pare bellissima l’idea di vertere quel semplice atto del passeggiare, intorno alle domande. Che i bambini a noi adulti ce ne fanno tanto spesso e che spesso invece dovremmo farne noi a loro molte di più.
Se mi è concesso, ma pare più un libro filosofico, socratico in particolare. Dialogare ed indagare per scoprire. Rispondere ad un bambino con una domanda apre mondi infiniti. Dice che la curiosità sposta le cose, dice che è bello sapere cosa ne pensa, dice che sempre c’è più di una risposta, dice che puoi partire da un elenco di cose ed arrivare oltre ed oltre.
“Aspetta. Chiedimi qualcos’altro.
Cosa?
Chiedimi se voglio un altro bacio della buonanotte.
Vuoi un altro bacio della buonanotte?
Sì, vorrei un altro bacio della buonanotte.
Buonanotte.
Buonanotte.”